in

Foligno, Bevagna, Montefalco, Narni e Amelia: ecco i progetti da 1,3 milioni per la cultura

Agabiti: «Prezioso contributo a istituzioni e realtà culturali umbre»

PERUGIA – Oltre un milione di euro per cultura e sviluppo, da Bevagna a Foligno, fino ad Amelia e Narni. La giunta regionale dell’Umbria ha infatti stanziato fondi pari a 1.292.282,66 di euro per finanziare “Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”.

Le risorse, come spiega una nota dell’assessorato regionale alla cultura, si aggiungono alla dotazione iniziale di 4 milioni stanziati in seguito all’avviso ricognitivo propedeutico alla predisposizione di un programma regionale di interventi specifici in tal senso. Si tratta, nello specifico, degli interventi relativi al Teatro Comunale Torti di Bevagna finanziati con risorse pari ad 240mila euro per opere di adeguamento impiantistico e funzionale, e di quelli relativi al “Chiostro di Sant’Agostino” di Montefalco finanziati con 295mila euro per la riqualificazione dell’ex refettorio annesso al chiostro stesso.
Hanno trovato accoglimento gli interventi relativi al secondo stralcio del Museo archeologico e Pinacoteca E. Rosa di Amelia con un finanziamento pari a 317.282,66 euro, e a quello del Museo della Città di Palazzo Trinci di Foligno, con un finanziamento pari a 240.000 euro.
Infine, è stato finanziato l’intervento del Comune di Narni denominato “Recupero funzionale, restauro e allestimento del Teatro di Palazzo presso il Palazzo Comunale”, che, già finanziato con 1 milione di euro, ha richiesto un incremento di 200mila euro, necessario per un aggiornamento progettuale che contemplasse alcuni voci di spesa, al fine di rendere più sostenibile la realizzazione di alcune opere già previste in appalto, e ciò anche in ragione della particolare complessità delle opere di restauro oggetto di intervento.
«Con queste nuove linee di intervento – ha dichiarato l’assessore regionale alla Cultura Paola Agabiti – l’amministrazione regionale intende dare un prezioso contributo a istituzioni e realtà culturali umbre che hanno deciso di investire nei loro spazi e nei luoghi in cui sono attive e in cui esercitano la loro opera culturale a favore di un pubblico vasto e fortemente interessato. L’attenzione agli spazi condivisi della cultura vuole essere patrimonio della regione Umbria e sta a significare la profonda centralità del patrimonio intellettuale, di sapere e di conoscenza quale strumento e veicolo di crescita per una intera comunità».

Medici in corsia

Sanità bollente/ È ufficiale: Braganti va alla Asl 1 e De Fino resta alla Asl 2. Le ipotesi D’Angelo e De Filippis. Non c’è ancora il nome per Terni

Torta al testo

Arringatore in festa: Pila punta sulla sua torta al testo