in

Si chiude il Narnia Festival 2022: undicesima edizione da sold out

55 eventi sempre mediati dalla musica come grande filo conduttore, con grandi ospiti nazionali e un’attiva partecipazione di pubblico

NARNI – Il Narnia Festival ha riscosso anche quest’anno un grande apprezzamento da parte del pubblico, con spettacoli sempre sold out, importanti ospiti nazionali e la sua capacità di mettere insieme la qualità della proposta artistica e la promozione del territorio. Anche per questa undicesima edizione, la kermesse curata dalla direttrice artistica Cristiana Pegoraro è stata un enorme successo, registrando grande partecipazione e “la grande voglia delle persone di tornare a presenziare agli eventi dal vivo, soprattutto dopo due anni di pandemia”, come ha ricordato proprio la Pegoraro.

La manifestazione, che vede anche la direzione musicale del direttore d’orchestra e compositore Lorenzo Porzio, ha offerto una ricca proposta di 55 eventi, tra anteprime e cartellone principale, in un melange di arti e forme espressive in cui la musica ha sempre fatto da grande filo conduttore. Importanti i nomi del panorama artistico nazionale che hanno calcato il palco del Narnia Festival: da Enrico Vanzina a Mogol, da Luisa Corna a Debora Caprioglio. Presente anche la campionessa olimpica di nuoto e giornalista Rai News, Novella Calligaris. Quartiere generale come sempre è stata Narni con le sue location diffuse, ma il festival ha fatto tappa anche a Terni, Amelia e San Vito.

 «Chiusa con soddisfazione questa edizione – ha concluso Cristiana Pegoraro –, stiamo già pensando a una nuova stagione del Narnia Festival con cui regalare al nostro pubblico tante grandi emozioni». Il Narnia Festival è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cultura e Arte, braccio operativo della Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale presieduta da Emmanuele F. M. Emanuele, oltre che della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni.

Montelago Celtic Festival, la città nomade riapre le sue porte

L’ospedale di Terni saluta Claudio Gradoli: «Nella pandemia non si è risparmiato»